Navigazione

Pulizia e re-internalizzazione: quali rischi?

Negli ultimi anni sono aumentate le amministrazioni che hanno re-internalizzato i servizi di pulizia, una tendenza che pone degli interrogativi sulla qualità del servizio reso, sulle garanzie rispetto a quanto l’Europa richiede in termini di sostenibilità ambientale e di tutela...

immagine in evidenza

Negli ultimi anni sono aumentate le amministrazioni che hanno re-internalizzato i servizi di pulizia, una tendenza che pone degli interrogativi sulla qualità del servizio reso, sulle garanzie rispetto a quanto l’Europa richiede in termini di sostenibilità ambientale e di tutela della concorrenza e sulla adeguata qualificazione del personale impiegato. Del valore dello sviluppo di una Cultura del Pulito e dei nuovi bisogni in termini di igiene si parlerà a CleaningPiù, l’1 febbraio alle 9:30.

PA e taglio dei costi


La re-internazionalizzazione è stato il grande tema affrontato in occasione del workshop “INDIETRO TUTTA. Il ritorno della re-internazionalizzazione delle pulizie e i rischi per la qualità e la sostenibilità del servizio”, tenutosi il 10 novembre in occasione di Ecomondo. Il mondo delle associazioni del settore delle pulizie si è incontrato per fare il punto su un tema di grande attualità, che rischia di compromettere la qualità dei servizi di pulizia negli ambienti della pubblica amministrazione: scuole, uffici, ospedali e luoghi pubblici generalmente frequentati da molte persone. Il workshop è stato voluto e promosso dal TIPS – Team Interassociativo delle Imprese di Pulizia, costituita da AFIDAMP e da diverse altre associazioni legate al mondo della pulizia professionale. L’incremento della re-internazionalizzazione dei servizi di pulizia nella PA comporta un rischio reale di abbassamento della qualità del servizio stesso, spesso eseguito da personale non preparato adeguatamente e non competente in materia. Se è evidente che per gli uffici pubblici si tratta di una necessità legata prevalentemente al taglio dei costi, è anche vero che spesso i servizi eseguiti da personale non specializzato non permettono di essere controllati e verificati. E la mancanza di controllo genera incuria e scorretta gestione. Inoltre le associazioni di categoria sottolineano anche il rischio legato a un meccanismo che rischia di penalizzare la libera concorrenza. Come sottolineato durante la sessione, collaborare con le strutture pubbliche è possibile, ma sono loro stesse a doversi affidare a operatori qualificati per i servizi di pulizia, partner affidabili e specializzati per gestire il tema dell’igiene in tutte le sedi.

Iscriviti gratuitamente e amplia il tuo bagaglio di conoscenze! Iscriviti al convegno

Dettagli

30/11/2022

Condividi via

News correlate

La digitalizzazione fa crescere le Pmi

ven 02 dicembre 2022

La transizione digitale, tema del quale si parlerà il 2 febbraio in occasione di CleaningPiù, è una delle tante sfide...

immagine in evidenza

Pulizia al ristorante: per metà degli italiani è più importante del cibo

ven 02 dicembre 2022

Per gli italiani, l’igiene ha un ruolo di primo piano quando si tratta di scegliere dove andare a mangiare fuori....

immagine in evidenza

Economia circolare, arriva il nuovo standard UNI/TS 11820

mar 06 dicembre 2022

Si compie un altro passo verso la misurazione dell’economia circolare nell’ottica di una produzione sempre più sostenibile, tema, quest’ultimo, che...

immagine in evidenza
Scoprile tutte
Al convegno mancano
giorni
ore
minuti
secondi